Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

ALBERTO GRIFI, come « Anna » incontra Marsiglia.

 

ALBERTO GRIFI, come « Anna » incontra Marsiglia.

ALBERTO GRIFI, come « Anna » incontra Marsiglia.
Giugno/Luglio 2018, Marseille.

Un progetto di Antonella Porcelluzzi/Les Films de la Grande Vision, con Annamaria Licciardello, Stefania Rossi, Institut Culturel Italien de Marseille, Videodrome, Casa Consolat. Ringraziamenti all’ Associazione Culturale Grifi Roma, FMAC Geneve

Alberto Grifi é considerato il più importante tra i cineasti sperimentali italiani. In seguito alla proiezione dei suoi film alla Documenta di Kassel nel 2017, si é inserito in un panorama e una prospettiva internazionale, in quanto l'unico a potersi confrontare con Mekas, Debord e Farocki.
Nato nel 1938, si é spento nel 2007. La sua opera, comprensiva di un ampio numero di film, video-reportages e progetti di varia natura (invenzione e costruzione di macchine, fotografia e scrittura), é conservata dall'Associazione Culturale Alberto Grifi, con sede a Roma.

Programma:
29 giugno, Istituto Italiano di Cultura, inaugurazione
Ore 20,30
Proiezione di "Lia" (27' 1977, It)
+ successiva presentazione del libro "L'evoluzione biologica di una lacrima" di Stefania Rossi, e del libro "Il cinema Laboratorio di Alberto Grifi" di Annamaria Licciardello, in presenza delle autrici.

30 giugno, Videodrome 2
Ore 15
Tavola rotonda "Il laboratorio sperimentale di Alberto Grifi" (con Annamaria Licciardello, Stefania Rossi)
+ Ore 20
Proiezione di "Anna", film realizzato con Massimo Sarchielli (3H33, 1975, It)

("Anna" e "Lia" sottotitolati in francese da AA. Porcelluzzi)

1 luglio, Casa Consolat, Carte Blanche ad Alberto Grifi, Festa per Alberto
Ore 14,30
Filmato originale di "Anna", estratti
Ritratti di Alberto: "Transfert per camera contro Virulentia" (22', 1966-67) e "Non soffiare nel narghilé" (30', 1970), "La proma volta che Zavattini provò a usare il videotape" 83', 1993).

Cena e musica a partire dalle ore 19,00: un "menu ispirato", fatto da Casa Consolat.
Concerto di Sam Karpienia, cantautore di lingua occitana, "Chansons de l'Usine", chitarra/voce
(Influenzato dai canti berberi, dal flamenco, dal Sud Italia e dal rock, i suoi testi raccontano l'ingiustizia e la rivolta di una classe operaia solidale e meticcia che si vorrebbe veder scomparire.)

(Scéance misto: doppiaggio live in francese// sottotitolaggio in francese e in inglese)


Luogo:

IIC Marsiglia

1313