Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Mostra di fotografie RE-VOIR VENISE di Graziano Arici

Data:

07/10/2020


Mostra di fotografie RE-VOIR VENISE di Graziano Arici

 

Nell’ambito della Settimana Italiana in Avignone LA BELLA ITALIA A AVIGNONE – Du 7 au 18 octobre 2020 – AVIGNON

Il Comune di Avignone, il Consolato Generale d’Italia a Marsiglia, l’Istituto Italiano di Cultura e la Camera di Commercio per la Francia di Marsiglia, presentano la Quarta Settimana Italiana ad Avignone, teatro, musica, cinema, gastronomia, mostre. Dal 7 al 18 ottobre 2020.

Dal 7 ottobre al 31 dicembre - Bibliothèque Ceccano Avignon
Mostra di fotografie RE-VOIR VENISE di Graziano Arici

“Rivedere Venezia” non è solo il desiderio di un’artista verso la sua città, per la quale tanto ha dato e che tanto gli ha donato, ma soprattutto è la speranza di “Rivedere Venezia” sfavillante come un tempo, non così troppo lontano; quella città capace di attrarre a sé intellettuali e grandi artisti da tutto il mondo, di essere un punto di riferimento di fervore artistico con la sua Biennale e di scambio culturale con il suo festival del Cinema.
Ma oggi non è più così. Invasa e soffocata da un turismo di navi da crociera, non c’è più la possibilità di avere opportunità di dialogo e di confronti costruttivi. Graziano Arici a Venezia era un punto fermo con la sua fotografia: “si può dire che bene o male sono stato il fotografo di tutti i grandi avvenimenti degli ultimi decenni […] Per ventuno anni io sono stato il fotografo del Teatro La Fenice”.
Con il suo obiettivo ha sempre raccontato la vita culturale e i grandi personaggi che hanno gravitato intorno a Venezia: sente le pietre, sente l’umido, vede le cose che ai turisti sfuggono, conosce davvero ogni singolo angolo. Non ha mai voluto fare ritratti in posa trovandoli banali, un mercato fin troppo saturato; ha sempre cercato invece di ritrarre le persone nel modo meno convenzionale possibile, nelle loro gesta quotidiane all’interno della cornice veneziana, personaggi noti dello spettacolo e del mondo dell’arte vivere momenti di semplicità catturati dall’occhio attento di Graziano Arici in un istante di complessa intimità artistica.
In mostra si vuole ripercorrere le sensazioni che hanno ispirato Graziano Arici: quel sentire le pietre e l’umido, il suo sguardo attento alle peculiarità della città lagunare, quel vedere le cose che ai turisti sfuggono, tutti elementi distintivi del fotografo di riferimento della Venezia internazionale.
Cinque sezioni per rivivere il ricordo di quell’entusiasmo culturale che si respirava appena qualche decennio addietro: Sentire Venezia, Oltre l’arte, Istanti tra Italia e Francia, Il fervore internazionale, Rivedere Venezia.
Graziano Arici, nato a Venezia il 13 aprile 1949, è un fotografo italiano. Dopo aver studiato sociologia, è diventato fotografo professionista nel 1978. È stato fotografo ufficiale per il Teatro La Fenice di Venezia dal 1980 dove ha lavorato per più di vent'anni; le sue fotografie hanno permesso, dopo l'incendio nel 1996, di ricostruire l’intero apparato decorativo. Risultato di una lunga carriera è la creazione dell’Archivio Graziano Arici, che è stato poi donato alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia nel 2017.
Ha seguito l'attività artistica e culturale della città di Venezia (Biennali, mostre e spettacoli di artisti), dalla fine degli anni '70 ai primi anni del 2010. Ha inoltre sviluppato un ampio lavoro attorno agli scavi archeologici e ai siti di restauro della laguna veneta e di Venezia.
Nel 2011 Graziano Arici ha lasciato definitivamente la città di Venezia per stabilirsi ad Arles, nel sud della Francia. Si dedica a serie personali e le sue mostre sono esposte in tutto il mondo.
Il 2 giugno 2018, il Presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, ha nominato Graziano Arici Cavaliere dell'Ordine della Repubblica per meriti culturali.

 Programma dettagliato : www.avignon.fr

 

Informazioni

Data: Da Mer 7 Ott 2020 a Dom 18 Ott 2020

Organizzato da : IIC Marsiglia

In collaborazione con : Comune di Avignon

Ingresso : Libero


Luogo:

Avignone

1496