Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

CINEITALIA – Quando il cinema interroga la società… e viceversa

ARIAFERMA di Leonardo Di Costanzo

VOST FR 2021 – 117’

Con Toni Servillo e Silvio Orlando.

Con il film Ariaferma l’Istituto inaugura il ciclo di film: QUANDO IL CINEMA INTERROGA LA SOCIETÀ… E VICEVERSA ideato e presentato da Camilla Trombi presso l’Istituto un martedì al mese.

Partecipazione dell’aiuto regista David Maria Putorti 

Un vecchio carcere ottocentesco, situato in una zona impervia e imprecisata del territorio italiano, è in dismissione. Per problemi burocratici i trasferimenti si bloccano e una dozzina di detenuti con pochi agenti rimangono in attesa di nuove destinazioni. In un’atmosfera sospesa, le regole di separazione si allentano e tra gli uomini rimasti si intravedono nuove forme di relazioni.

“Ariaferma è un film che mette in discussione le pene detentive e le loro condizioni. “Che viaggio ho dovuto fare per arrivare da te” è la famosa frase della fine del film Pickpocket di Robert Bresson. La fine di Ariaferma mi fa pensare a questa frase, perché questo film su un carcere la cui chiusura improvvisamente ritardata mette a confronto qualche guardia e una dozzina di detenuti in attesa di un trasferimento , è un percorso in cui ci si pone la domanda sull’uguaglianza tra gli uomini […]” Commento di Claire Simon

Leonardo Di Costanzo è un regista, sceneggiatore e direttore della fotografia. Ariaferma è il suo terzo film ed è stato presentato fuori concorso alla Mostra di Venezia 2021.

Il film ha vinto il David di Donatello 2022 per il migliore attore protagonista a Silvio Orlando e per la migliore sceneggiatura originale.

Prenotazione non più disponibile

  • Organizzato da: IIC Marsiglia